riccardovalle.it Copy & Blog

11 azioni di successo per guadagnare online con il blog

Forse sono soltanto vecchio. Lo dice anche la mia compagna, quando ripeto che costruire su terreni in affitto è follia.

11 azioni per guadagnare online con il tuo blog di successo.
Come guadagnare online con il tuo blog di Copywriter.

Crescere su un social network, qualunque esso sia, senza creare una base solida di proprietà, ti espone a rischi inutili e assurdi.

Stai cedendola tua professionalità e il tuo futuro nelle mani del CEO di turno. E questo non fa bene né alla tua professione né all’immagine che vuoi dare di te stesso

Il Blog ti dà la sicurezza di una proprietà privata, e nel tempo può offrirti la stabilità finanziaria.

Ecco 11 comportamenti che come Web writer puoi adottare per ottenere un blog di successo e iniziare a guadagnare online. Almeno questo è ciò che sto facendo io.

1. Pubblica molti contenuti

Da questa massima non potrai mai sfuggire.

I siti con molti contenuti sono quelli che ottengono maggiori favori da pubblico e motori di ricerca.

La continua esposizione al pubblico di contenuti nuovi e interessanti fa la differenza fra un web writer di successo e uno mediocre.

Scrivi più che puoi. Utilizza le tecniche che preferisci, ma non credere mai che un articolo al mese sia sufficiente.

La concorrenza è feroce e bastano pochi giorni per venire dimenticati per sempre, anche se scrivi contenuti esplosivi.

La qualità arriva con la quantità. Più scrivi e più la tua scrittura si fa veloce ed efficace. Non preoccuparti se inizialmente non otterrai post grandiosi.

Le tue abilità di scrittore aumenteranno ogni giorno. Ciò che oggi scrivi in un’ora, fra un mese lo scriverai in 10 minuti.

Potresti non essere uno scrittore straordinario, ma sicuramente con la pratica costante diventerai un ottimo scrittore.

2. Premi il pulsante pubblica

Perché continui a esitare su questo pulsante?

Come puoi farti leggere e conoscere, se continui a collezionare bozze su bozze senza pubblicare nulla?

E mi riferisco anche alla continua lettura di blog e articoli dei migliori autori. Sono la tua carica, la tua motivazione a raggiungerli e a superarli. Sono veri e propri corsi di formazione a cielo aperto, gratuiti e in continuo divenire.

Ma la loro lettura non deve diventare per nessuna ragione al mondo la tua attività principale.

Assimila da ciascuno di essi quanto più puoi, e poi pubblica la tua meraviglia.

Il tuo moto perpetuo deve essere:

  1. Scrivi
  2. Perfeziona
  3. Pubblica
  4. Ricomincia dal punto 1.

Post dopo post avrai un portfolio creato sul campo, pronto alla consultazione da chiunque sia interessato alle tue parole.

3. Scrivi come parli

Digita come parli, senza tante menate.

Se non lo fai, non riuscirai a reggere la parte troppo a lungo.

Chi ti legge presto se ne accorgerà, troverà fra le tue parole uno stile artefatto. E ti abbandonerà.

Trova una forma espressiva esclusiva, che ti consenta di tradurre la tua parlata in parole digitate. Sintetizza. Se un concetto lo hai scritto in 100 parole, molto probabilmente ne avresti utilizzate 200 con la voce. Ma sicuro sarai in grado di riscrivere tutto utilizzandone 50.

Ecco: è questo che devi fare.

Fai in modo che ti conosce di persona, leggendo le tue pagine, sia in grado di dirti: Sì, ti ho ritrovato. Mi sembrava di sentirti parlare.

Quando con le parole scritte riuscirai a rievocare il tuo timbro di voce in chi ti sta leggendo, avrai trovato il tuo stile di scrittura.

4. Scrivi per la tua nicchia. Ma anche un po’ più in là

Dimentica i tecnicismi. Un altro tutorial su come installare i plugin di WordPress, davvero, è impossibile da digerire.

Lascia questi argomenti ai tecnici, bravissimi professionisti che conoscono in maniera eccellente la propria materia.

Avresti grandissima difficoltà a competere in SERP su questi temi.

Tu sei un Web writer che dal proprio blog muove emozioni. Non fa il copia/incolla di stringhe di codice.

Trovati un argomento che ti piace sul serio. Di cui parleresti gratuitamente anche tutta la vita, e inizia a scriverci sopra.

Affrontalo da tutti i punti di vista da cui sei capace di osservarlo Ma non accanirti su di esso. Rischieresti presto di annoiarti. E se accade a te, è garantito che annoierai anche chi ti sta intorno e ti legge.

Scrivi allora di argomenti più o meno correlati che ti piacciono. Offri ai lettori diverse prospettive da cui considerare la vita.

Google ringrazierà, e tu avrai l’opportunità di passare da un tema all’altro senza stufarti mai.

Non temere di scrivere anche di altri argomenti sul tuo blog. I lettori stanno acquisendo la tua visione del mondo. E la tua visione possiede più dimensioni.

5. Esagera

Non fare lo spaccone. Non millantare competenze e abilità che non possiedi.

Ma ciò che conosci bene utilizzalo sempre al massimo di cui sei capace. Non temere le critiche, che sicuro arriveranno comunque.

Sarai sempre in grado di difenderti, mostrare le tue motivazioni e accogliere gli eventuali suggerimenti.

In questa roccaforte, ti puoi permettere di esagerare con la tua scrittura. Proponi nel blog contenuti iper, che non hai mai trovato nella tua rete. Che ammiri quando li leggi altrove, e cerca di migliorarli. Aggiungi qualcosa di tuo esclusivo.

Studia e usa forme espressive inedite. Che quando ti leggono siano in grado di dire: Sì, queste parole le riconosco. Sono le sue!

Esagera!. Se non lo fai tu, sicuro lo farà qualcun altro.

6. Vai semplice con il tuo blog

Fino a questo momento, WordPress non lo batte nessuno in tema di semplicità.

Non complicarti la vita con beghe tecniche e template impossibili da domare.

Il tempo è limitato. Se lo sciupi fra mille impostazioni e complicazioni specialistiche, ne avrai meno da dedicare alla tua scrittura. E questa non è cosa buona.

Ti servono davvero pochissime cose per creare un blog da zero, gradevole ed efficace: un dominio di proprietà, un servizio hosting veloce, un tema semplicissimo che sia fruibile anche da mobile, e una scrittura bella da leggere e da guardare.

Tutto il resto è menzogna.

7. Usa l’Intelligenza artificiale con intelligenza

Perché accanirsi contro l’AI? Perché glorificarla al punto da rendersi ridicoli?

L’AI esiste e puoi farne un uso intensivo e intelligente per fare decollare le visite al tuo blog. Integrala alla tua produzione al pari di altri strumenti che sei solito usare ogni giorno.

Se le chiedi di scrivere contenuti per te, otterrai testi inutili e neutri. Google presto se ne accorgerà (o forse è già in grado di farlo ogni giorno). I tuoi lettori, invece, sanno riconoscerli già da secoli.

Quindi non farlo. Utilizza l’Intelligenza Artificiale per farti suggerire argomenti correlati su cui scrivere, definire la scaletta degli H2 e H3, proporre titoli e H2 alternativi, trovare il giusto tono per le condivisioni sui social, abbozzare i brevi contenuti tecnici SEO (meta description, alt text, ecc.).

Fatti aiutare dall’AI, ma non farla lavorare al posto tuo. Snellirai moltissimi passaggi della produzione di contenuti senza intaccare la tua genuinità creativa.

8. Raffina il talento del montaggio

Nessun contenuto è un mondo a sé.

Idee, titoli, post sono soltanto piccolissime entità che vanno continuamente montate e rimontate all’interno di quel grande disegno che è il tuo blog, la tua presenza online, il tuo impero di parole.

Viaggia a due velocità. Scrivi veloce e monta lento le parti. Sono tutte intercambiabili fra loro, a formare ogni volta nuovi contenuti e suggestioni.

Lo stesso post lo puoi riproporre alcuni mesi dopo la sua prima pubblicazione modificandone il titolo e approfondendone un H2.

Individua la frase più emotiva, quella che rappresenta meglio ciò che hai detto nelle tue 1000 parole, e falla risplendere in un Tweet.

Cerca i commenti più interessanti e sbalorditivi dei tuoi lettori. Se li copi e incolli all’interno dei tuoi contenuti e pubblichi il tutto sui social, avrai scritto esattamente cosa i lettori stanno cercando da te.

Le combinazioni che puoi ottenere intrecciando i tuoi contenuti sono davvero infinite.

Se mi rispondi che non sai cosa scrivere, che non hai idee, e hai il blocco dello scrittore, scusami, ma non posso crederti.

Quando ti innamori di un articolo che hai scritto, questo amore è esclusivo. Non vedrai altro che lui, mentre attorno a te infinite idee di contenuti aspettano di venire scritte e intrecciate fra loro.

9. Non dire tutto in post blog

La lettura sul web è come una pizza. Non la consumi in un boccone solo. La mangi una fetta alla volta. Un pezzetto alla volta.

Non scrivere tutto ciò che conosci in un solo contenuto. Appesantiresti il testo inutilmente e la tua esposizione diventerebbe caotica.

Approfondisci un piccolo aspetto del tema su cui stai scrivendo. Mostra il tuo elevato grado di conoscenza al riguardo, ma lascia aperte mille altre opzioni di analisi, opportunità di altri contenuti e occasioni di link.

Offri l’opportunità ai lettori di vagabondare fra le pagine del tuo blog. Intrattienili e divertili con le tue parole, ma non offrire mai loro l’occasione di pensare che con te stanno perdendo tempo.

Il tempo è denaro. E il tempo per leggere le tue parole è la moneta con cui ti pagano i lettori per avere chiesto loro di stare con te.

Somministra piccole dosi affascinanti della tua visione del mondo. Prometti (e mantieni) che ne hai altre. Pronte. Solo per loro.

10. Propaga la tua visione del mondo

La difficoltà principale per un blog, soprattutto nei primi mesi di vita, è che poche persone riescono a trovarlo.

Le piattaforme social e i link al tuo blog sono fra gli strumenti più efficaci a rimediare a questo inconveniente (subito dopo la SEO, si intende).

Il blogger che rinuncia a queste opportunità di diffusione dei propri contenuti, è un folle, oppure ha interesse a conservare la propria creatura nel regno della diaristica personale.

Crea il maggior numero di collegamenti al tuo blog. Convinci le persone, con la tua presenza sui social, che la qualità dei tuoi contenuti vale una visita al tuo blog.

Ma convinci anche Google, a posizionarti sempre meglio in SERP, mostrandogli come i collegamenti che portano a te sono importanti e conferiscono autorevolezza alle tue parole scritte.

Propaga i tuoi contenuti ovunque tu riesca a essere attivamente presente con regolarità.

Trova un equilibrio fra tempo a disposizione e numero di piattaforme su cui essere presente. Se non credi di riuscire a presidiare un profilo, è preferibile abbandonarlo, almeno temporaneamente, piuttosto che guardarlo ricoprirsi di polvere.

11. Lascia correre il tempo e ignora le statistiche del blog

Con il tuo blog non puoi permetterti nessuna premura.

Se incominci da subito a attenderti esaltanti numeri di visualizzazioni e cifre a 2/3 zeri dalle affiliazioni, hai trovato la via giusta che ti condurrà all’abbandono del tuo progetto di blog.

Lascialo correre, parallelo ai contenuti che produci con regolarità.

Stabilisci una cadenza mensile precisa con cui leggere le statistiche di visita al sito.

La consultazione continua dei dati ti ruberà tantissimo tempo, risorse e non ti porterà nessun vantaggio, oltre a crearti frustrazione.

Leggere Google Analytics (o il servizio di analisi che usi) un paio di volte al mese potrebbe essere un buon compromesso da adottare per i primi tempi.

Il blog non è una corsa ai 100 metri. Non è nemmeno una maratona. È una professione come un’altra. Richiede impegno e convinzione affinché si concretizzino i risultati che ti sei prefissato.

Pensieri finali

Forse questo elenco non è esaustivo.

Ciascuno di noi ha le proprie convinzioni. Io, con il mio blog, mi sto muovendo nella maniera che hai appena letto. Ma nello stesso momento in cui scrivo, mi rendo conto che le azioni per fare decollare un blog sono molto più di 11.

E questo mi dimostra ancora una volta che il blog è una cosa viva, in continuo divenire. Un cantiere sempre aperto, che non trova mai la fine del proprio progetto.

Ciò che davvero fa la differenza nel mondo online, è la possibilità di avere uno spazio di proprietà, protetto dalle volubilità delle piattaforme che ci ospitano ogni giorno.

Il blog è attualmente ancora in grado di reggere questo ruolo.

Il blog può ancora fare miracoli.


Tu credi ai miracoli del blog? Oppure preferisci una presenza online più fluida e multicanale? Scrivilo nei commenti. Ti leggerò e risponderò volentieri.

Grazie per avermi letto.

Riccardo

La mia Newsletter della domenica mattina più bella del mondo è sempre pronta ad accoglierti! Si chiama Buongiorno Blogger! e la puoi raggiungere da qui:

Hai qualche cosa da aggiungere? Scrivilo in un commento

riccardovalle.it Copy & Blog

Buongiorno Blogger!
La Newsletter ogni domenica mattina

Leggi anche

Tag