riccardovalle.it Copy & Blog

Cosa scrivere sul tuo blog

Sul tuo blog scrivi di cose che conosci. Parlare di ciò che ti è familiare è la strategia migliore per non rimanere mai a corto di argomenti. Forse temi che il web ormai saturo di tutto non lascerà spazio alle tue parole. Credimi: sul web c’è tutto, ma per le tue cose ci sarà sempre posto. Ora ti spiego perché.

Cosa scrivere sul tuo blog di Copywriter.

Non ti scoraggiare quando stai per aprire un blog

Ti piacerebbe aprire il tuo sito internet con all’interno un blog. Oppure pubblicare direttamente il blog, come ho fatto io con queste pagine che stai leggendo.

Però, c’è sempre quel però che ti frena. Ti guardi intorno e trovi di tutto. Qualunque sia l’argomento di tua preferenza, tantissimi altri blogger già da tempo lo hanno affrontato sotto tutti i profili.

E questa cosa ti demotiva. Ti preoccupa. Davanti a te vedi una montagna enorme, e soprattutto già scalata. Già conquistata da decine di rocciatori, che tra le altre cose, ti sembrano pure enormemente più preparati di te.

E allora studi su quale argomento scrivere. Uno inedito, che mai nessuno ha affrontato e che possa scatenare l’interesse dei tuoi lettori.

Però più pensi e più ti allontani da ciò che ti è familiare, da ciò che conosci benissimo, da ciò per cui hai studiato. Ti allontani dalla tua vera passione.

E questo è male, perché corri il grosso rischio di infilarti in un blog che non ti apparterrà per tematica. Che ti demotiverà, che presto non avrai interesse a coltivare con i tuoi contenuti. Che dopo pochi mesi abbandonerai deluso, rimpiangendo il tempo e l’impegno dedicato inutilmente.

Senza contare che anche le tue aspettative riguardo le opzioni professionali offerte dal blogging, verranno seriamente compromesse.

E anche questo è male, perché ti precluderai intense gratificazioni personali e opportunità di guadagno.

Non abbandonare ciò che conosci bene. Non scegliere strade a te sconosciute, che ti porteranno inevitabilmente alla noia e al fallimento.

In ogni caso dovrai conquistare il pubblico. Per fare ciò devi credere in cosa scrivi. Se tu per primo non ci credi, come puoi sperare che qualcuno creda a te?

I tuoi lettori non sono affatto stupidi. In breve ti scopriranno, che sei annoiato, che scrivi senza convinzione, che non regali loro contenuti utili, che sei distante anni luce da quanto scrivi e da cosa affermi di essere. Che scrivi solo per trovare spazi dove piazzare tiepidi link di affiliazione Amazon.

E ti abbandoneranno.

Quindi, ti conviene partire bene concentrato su cosa sai e su cosa ti piace.

Non preoccuparti se qualcuno lo ha già detto prima di te. Rassegnati, sono in molti a essere arrivati lì prima di te.

Altrettanti ne arriveranno dopo di te, e se sarai bravo, ti accorgerai che inizieranno i loro progetti imitandoti.

Ma anche questo non è affatto un problema. Anzi, ti dimostra che stai viaggiando sulla strada giusta e che devi proseguirla, guardandoti sempre intorno.

L’abbondanza di contenuti sul web non ti deve demotivare. Anche perché non esistono mezzi per contrastarla o ridurla.

Hai però la possibilità di emergere da essa, e nel prossimo H2 ti spiego come, secondo me, puoi fare.

Come trovare l’argomento per il tuo blog

In realtà il titolo di questo paragrafo dovrebbe essere: Come sviluppare la tua presenza online con il tuo blog?

Il tema del tuo blog o i temi che tratti, infatti, sono gli strumenti che utilizzi per plasmare la tua presenza online. È attraverso tutto ciò che scrivi e come lo scrivi, che crei la percezione che i lettori si faranno di te.

È con il tuo stile unico, che riuscirai a conquistare un lettore dopo l’altro e a convincerlo a tornare sulle tue pagine, a suggerirti ai suoi contatti.

Tu sei l’argomento del tuo blog. Quando avrai raggiunto un buon grado di similitudine con ciò che dici, molto probabilmente ti guarderai attorno e vedrai che i blogger che poco prima stimavi e adoravi, improvvisamente si sono trasformati nei tuoi rivali.

Ma come arrivare qui?

Proponendo la tua unicità, anche parlando delle cose di cui tantissimi hanno già scritto e altri presto e scriveranno.

Giorgio Taverniti, in una recente intervista, ha detto che “le persone cercano cose molto semplici, ma sta a te trovare il modo di darle in modo originale. Devi sicuramente avere delle risorse per le cose che già esistono, ma allo stesso tempo devi essere originale e parlare di qualcosa che nessuno fa e che nessuno sta cercando“.

Il suo discorso era riferito a un nuovo approccio SEO, che lui definisce Google liquido, Ma il messaggio che passa da queste parole è chiaro: Se non aggiungi qualcosa di originale, di tuo, a ciò che già c’è, sei destinato ad andare alla deriva del già detto e sentito.

Ho cercato allora cosa dice la psicologia a proposito di stile. Ho trovato questa preistorica definizione di Alfred Adler, uno psicoanalista austriaco di inizo ‘900:

Lo stile di vita indica il comportamento che nasce dal fine ultimo che ci prefiggiamo, identificabile con il raggiungimento della potenza, della superiorità, del predominio sugli altri. Questo scopo influisce sulla concezione del mondo, sull’immagine della vita, sulla dinamica espressiva.

Una visione questa che tratteggia un essere umano fin troppo prevaricatore, e che ai giorni nostri verrebbe ampiamente biasimata e demolita dal web in meno di 10 minuti.

Ma Adler era figlio dei suoi tempi, e con la sensibilità del 2022 ora siamo in grado di rileggere le sue parole. Tradurle con terminologie più adeguate e gentili, che vanno a toccare anche altri territori del sapere, uno fra tutti quello del marketing. Scienza che, in quanto Copywriter e blogger, dovrebbe interessarti moltissimo.

Il tuo Perché, il tuo Why, la Mucca viola, la USP (Unique Selling Proposition), gli Oceani rossi e blu, non sono forse sfaccettature della risposta a quell’unica grande domanda che ti tormenta? Ovvero: Come faccio a emergere dal mare del Web?

Dove trovo un argomento e uno stile che mi consenta di essere percepito unico da chi seguirà il mio blog?

Dove trovo l’argomento per il mio blog?

Sono un pessimo disegnatore, ma per te ho tracciato questo schema. Dagli un’occhiata. Dopo ti spiego cosa intendevo dirti mentre lo disegnavo.

Come trovare l'argomento per il tuo blog di Copywriter?
Come trovare l’argomento per il tuo blog? Miscela le tue competenze e scrivine con il tuo stile unico.

Emergere dalla massa del web richiede sicuramente grande impegno e costanza. Per riuscirci con un’unica competenza devi essere davvero un fuoriclasse, un Michael Jordan del Copywriting.

Sarei felicissimo se tu lo fossi. Ma molto probabilmente così non è. Non saresti qui a leggere come trovare l’argomento del tuo blog.

Puoi però diventare un nuovo Michael Jordan miscelando tutte le tue competenze e offrire al tuo pubblico qualcosa di davvero unico, che soltanto tu sei in grado di produrre e condividere.

Facciamo un esempio. Sai scrivere bene, ti piace la fotografia e hai alle spalle studi di filosofia. Sovrapponi queste tue competenze e passioni, e andrai a offrire ai tuoi lettori qualcosa di davvero unico, come solo tu sei in grado di fare.

Un blog di viaggi, arricchito delle fotografie, può essere una buona idea. Già un po’ praticata però. Se allora immergi il tuo lettore in considerazioni filosofiche sul viaggio e sulle popolazioni visitate, il contenuto che offrirai avrà un valore ben diverso.

Ma non è finita. Il tuo stile narrativo potrebbe davvero fare la differenza. Potresti comportarti e accompagnare il tuo lettore come farebbe un ottimo compagno di viaggio. Spigliato, con la battuta sempre pronta, e altrettanto adeguato ad affrontare gli imprevisti del viaggiatore.

Capace di mettere a proprio agio il lettore, bello comodo sulla poltrona prima classe del treno, e descrivergli i paesaggi che incrociate, con riferimenti storici e filosofici.

Tutto fatto con gentilezza e autorevolezza.

Costruito in modo tale che ancora prima di scendere dal treno, il tuo lettore abbia già maturato la convinzione di tornare a viaggiare con te per ritrovare contenuti utili alla propria professione (o anche semplice intrattenimento).

Questo è solo un esempio generico. Ma credo sia sufficiente per chiarirti che più le tue competenze che andrai a sovrapporre le une alle altre sono numerose, e più alla miscela imprimerai con forza la tua impronta unica, maggiori saranno le probabilità che i tuoi contenuti riusciranno a emergere dal mare dei contenuti tutti uguali.

I lettori si affezioneranno a te. Le SEO online e offline ringrazieranno. I lettori si trasformeranno in clienti, convertendo i suggerimenti che offrirai dal tuo blog in azioni concrete sui tuoi servizi e prodotti.

In altri termini: inizierai a guadagnare online con il tuo blog.


Credi possa esserti utile questo articolo? Se lo è stato, scrivilo nei commenti, oppure condividilo con i pulsanti qui sotto.

La mia Newsletter della domenica mattina più bella del mondo è sempre pronta ad accoglierti! Si chiama Buongiorno Blogger! e la puoi raggiungere così:

Grazie mille per avermi seguito fino qui. Davvero

Riccardo

Hai qualche cosa da aggiungere? Scrivilo in un commento

riccardovalle.it Copy & Blog

Buongiorno Blogger!
La Newsletter ogni domenica mattina

Leggi anche

Tag