riccardovalle.it Copy & Blog

Con queste due tecniche di scrittura darai un impulso invincibile alla tua produttività

Supera il blocco dello scrittore con la tecnica della scrittura libera e la scrittura in batch.

Quando non sai cosa scrivere e il blocco dello scrittore incombe feroce, c’è questa tecnica della scrittura libera che sembra funzionare molto bene.

Apri un pagina bianca, cartacea o in pixel, disattiva pensiero critico e correttori ortografici/grammaticali, e inizia a scrivere di getto, ciò che ti viene in mente.

Prima però ricordati di metterti un vincolo temporale, ad es. 45 minuti, oppure un numero massimo di parole, es. 800.

C’è un paradosso iniziale da risolvere: Da dove parti a scrivere, se non sai cosa scrivere?

Inizia da un argomento qualunque, la frase di un libro, il discorso sentito al mercato, il testo di una canzone, le contraddizioni che tuo figlio adolescente propone a cena.

Non ha importanza il punto da cui stai iniziando. La tecnica funziona per quanto riesci a produrre una volta partito. La strategia agisce per quante nuove idee riesci a generare, scrivendo con il senso critico e il tuo maledetto vizio di puntualizzare suo ogni cosa, messi a tacere.

Al termine della sessione di scrittura avrai una quantità imbarazzante di materiale inutile a disposizione. Le percentuali varieranno sulla base di quante domande ti sei posto sull’utilità di ciò che stavi facendo.

Al loro crescere, sarà diminuita la quota di materiale forse utilizzabile.

Ti conviene allora farti pochissime domande, e scrivere come un matto.

Le idee dovrebbero scivolarti addosso come acqua.

Pulisci il piatto doccia, elimina le scorie, e riprendi a scrivere intorno a ciò che rimane di utile.

Rifinisci, cesella, aggiungi i passaggi logici dove mancano, poniti domande.

Ricordati che ora stai scrivendo per altri. Non puoi più permetterti di scrivere come se fossi solo.

Il metodo di scrittura che preferisco

L’alternativa, quella che io preferisco. Una scrittura semi-libera.

Tieni in fase di scrittura più titoli contemporaneamente.

Quando ti stanchi di scrivere un post, o le idee iniziano a scarseggiare, passa a un altro, e continua la scrittura senza interromperti.

Potrebbe sembrarti un metodo un po’ confusionario, ma potresti almeno provarlo e scoprire che non lo è affatto.

L’attenzione è una risorsa che puoi distribuire su più compiti differenti. Ogni spostamento ha un costo, ma se lo effettui su compiti appartenenti a categorie simili, il prezzo che pagherai sarà inferiore rispetto a quanto pagheresti ad es. se passassi dalla scrittura alla grafica.

Avere più titoli in fase di redazione, ti permette di non inserire blocchi dello scrittore durante il tuo lavoro e rendere il processo fluido.

È davvero molto spiacevole, ritrovarti senza parole durante la scrittura. Rischi di rimanere immobile di fronte al monitor, frustrato e progressivamente demotivato.

Quando accade ciò, abbandona il titolo e buttati su un altro dove sai benissimo quali parole utilizzare.

Per avere una visione d’insieme degli articoli in redazione, io scrivo su Notion. L’applicazione gratuita mi fornisce l’elenco dei post in lavorazione sempre aggiornato e sempre in primo piano.

Questo tipo di scrittura in serie è agevolato dall’applicazione perché posso passare da un post all’altro senza essere costretto a cercare i titoli fra i file, e senza doverli salvare ogni volta. Notion lo fa automaticamente.

E ora a te, cosa fai quando rallenti rallenti e rallenti fino a fermarti?


Se ti è piaciuto questo articolo, apprezzerai ancora di più il mio Buongiorno Blogger! della domenica mattina. Parlo di scrittura, di come la scrittura può cambiarti la vita, e anche un po’ di vita.

Hai qualche cosa da aggiungere? Scrivilo in un commento

riccardovalle.it Copy & Blog

Buongiorno Blogger!
La Newsletter ogni domenica mattina

Leggi anche

Tag