riccardovalle.it Copy & Blog

Perché le persone leggono i tuoi articoli in silenzio?

Perché le persone leggono i tuoi articoli in silenzio?
Non ti stanno odiando.

C’è un oceano di lettori silenziosi là fuori.

Ti leggono, ma non danno segnali di vita.

Non ti vogliono male.

Il loro silenzio è soltanto una barriera che hanno sollevato fra te e loro stessi.

Qualcuno l’ha innalzata per timidezza. Altri per il senso di inadeguatezza che li perseguita ovunque siano e per ogni azione stiano intraprendendo.

Qualcuno, invece, non ti legge soltanto per disattenzione. Oppure per l’abitudine a consultare contenuti online come fa con i libri, passeggiando in libreria: legge, posa ed esce.

Qualcuno è rassegnato alla vita, e gode sommessamente dell’intraprendenza altrui, senza il coraggio di allungare una mano verso gli altri.

Altri, al contrario, pensano solo a sé, e sono egoisti.

E poi ci sono gli invidiosi, che riconoscono intimamente la tua bravura, ma non vogliono ammetterlo a sé stessi, e non gradiscono che i tuoi lavori ottengano riconoscimenti pubblici.

Come vedi nessuno di costoro è cattivo con te. Ciascuno ha le proprie motivazioni e difficoltà, e ricorre a metodi diversi per fare fronte al proprio disagio personale.
Da parte loro, non c’è un’ostilità diretta nei tuoi confronti.

E nemmeno devi credere che il loro silenzio sia una dimostrazione di disinteresse, o peggio ancora, di scarsa qualità del tuo lavoro.

Semplicemente, tu e le tue parole fate parte dell’ambiente, e a loro va bene così com’è.
Cristallizzati in un momento infinito, che si scioglierà al tuo prossimo post, di fronte al quale manterranno ancora un rigoroso riserbo.

Il tuo compito di creatore è quello di scrivere come se il tuo ultimo pezzo fosse il primo che scrivi, senza punti di riferimento o previsioni di successo o di insuccesso.

L’attore sul palco recita con i riflettori puntati su di sé, senza comprendere cosa ha di fronte. La platea potrebbe essere completamente vuota, oppure colma e sghignazzante.
Ma questo è solo un dettaglio che non pregiudica la sua prestazione.

Non puoi pretendere di piacere a tutti, e che tutti si facciano vivi. Credere di raccogliere consensi da ogni lettore è un’ingenuità che non ti puoi permettere.

La buona parte dei tuoi lettori non la conoscerai mai.

Alcuni di loro si manifesteranno con segni a forma di cuore e di pollice in alto. Niente di più. Di moltissimi altri avrai, per sempre, solo il loro silenzio. Potente, rumoroso, ma sempre presente.

Tu continua sulla tua strada, e lascia che sia il tuo stile a parlare per te.

Sono sicuro che toccando le corde giuste e creando il contesto adatto, puoi riuscire ad allentare la barriera che ti separa da molti lettori silenziosi.

Magari ti contatteranno con un messaggio privato, oppure dopo anni di riservate letture.
Forse, questo è il massimo risultato che puoi raggiungere con le tue parole.

Dare voce a chi non ce l’ha.


Se mi hai letto fino a qui, sicuro non ti pentirai leggendo il mio Buongiorno Blogger!

Hai qualche cosa da aggiungere? Scrivilo in un commento

riccardovalle.it Copy & Blog

Buongiorno Blogger!
La Newsletter ogni domenica mattina

Leggi anche

Tag