riccardovalle.it Copy & Blog

Su quanti social pubblicare i tuoi contenuti?

Su quante piattaforme social bisogna promuovere i propri contenuti?
Non continuare a gettare nel pozzo le tue parole.

Per le aziende e i loro algoritmi, sei soltanto un numerino microscopico.

Nessuna di loro si preoccupa di te. Anzi, non sanno nemmeno chi sei, e quando i propri interessi lo richiederanno, saranno libere di fare ciò che vogliono della tua presenza online e del tuo lavoro.

Se concentri le tue risorse in un’unica piattaforma social, le tue creazioni, dopo massimo una settimana, spariranno sepolte da tonnellate di altro materiale più o meno buono del tuo.

Ogni tuo post verrà inghiottito dall’insaziabilità algoritmica, che ti costringe a sfornare continuamente nuove parole per riuscire a rimanere a galla. O almeno a vedere, dal basso, la luce trasparire dalla superficie.

Affidare le tue creazioni a un’unica piattaforma equivale a gettarle in un pozzo e ascoltarne il tonfo sordo nell’acqua. Perse. Per sempre.

E allora via a scrivere ancora, senza fine, perché così deve essere se vuoi sopravvivere. Perché così ti hanno insegnato: devi apprendere il profondo funzionamento della piattaforma e diventarne un devoto discepolo.

Ma diciamola tutta, queste aziende, chi le conosce?

Ti offrono spazio condiviso, tu scorrazzi in qua e in là in casa loro, perché questo gli fa comodo, e anche a te. Stop. Un rapporto che puoi avere con qualsiasi piattaforma. Senza esclusività. La tua fedeltà ai loro meccanismi non ti verrà mai premiata.

Utilizzeresti una zappa per dissodare un pezzetto minuscolo di terra, e poi gettarla via subito dopo per ricomprarne una nuova il giorno dopo?

Allora perché lo fai con i tuoi post?

Utilizzali su tutte le piattaforme, falli circolare senza un momento di tregua. Concedi loro la massima iniziativa. Amplifica la tua voce oltre il giardinetto della tua piattaforma di fiducia.

Hai l’imbarazzo della scelta dei luoghi dove posizionarti. Lo stesso post avrà una vita molto più lunga e avrai più opportunità di promuoverti.

Utilizza tutte le piattaforme, nei limiti della tua sostenibilità.

Definisci una volta per tutte i formati grafici, stilistici e di contenuto da adottare per ciascuna di esse, e risparmierai moltissimo tempo quando pubblichi.

Se condividi anche sul tuo blog personale, presta un po’ di attenzione ai contenuti canonici, modifica titoli e parole, per evitare scostanti penalizzazioni SEO.

Tutto il resto sono solo le parole di chi ti consiglia di concentrarti su un unico social e comprenderne a fondo i meccanismi.

Quando avrai raggiunto l’illuminazione, le regole saranno cambiate un’altra volta e il tuo lavoro tornerà indietro di mille anni.

Non gettare le tue energie in pasto all’algoritmo di turno. Le tumulerà dopo poche ore, e tu sarai costretto a scrivere ancora per lui. Non farlo diventare il tuo datore di lavoro.

Quando hai un’idea, annotala per non perderla mai più. Poi trasformala in tutto ciò che ti serve per promuoverti.

Falla diventare un tweet, una puntata di podcast, un articolo per il tuo blog e per LinkedIn, una mail della tua newsletter, mille post e commenti per gli altri social, un testo per YouTube.

E se non sei ancora soddisfatto, traducila in inglese e pubblicala su Medium e su Substack. Esporterai le tue parole in ogni angolo del mondo.

Non preoccuparti per la lingua. Con traduttori, AI e correttori grammaticali ti confonderai con i madrelingua e nessuno mai farà un commento sulla tue capacità linguistiche.

Qualunque piattaforma è uno strumento di lavoro. Niente di più. Non ha niente a che fare con casa tua, o con qualunque luogo dove costruire la tua professione.

Le parole che scrivi sono la tua proprietà che devi mettere in condivisione attraverso i mezzi che la tecnologia ti offre gratuitamente.

Promettere fedeltà a qualunque piattaforma social, è un grossissimo errore metodologico.


Se ti è piaciuto questo articolo, apprezzerai sicuro il mio Buongiorno Blogger! della domenica mattina. Scrivo di scrittura, di come la scrittura può cambiarti la vita, e di vita.

Hai qualche cosa da aggiungere? Scrivilo in un commento

riccardovalle.it Copy & Blog

Buongiorno Blogger!
La Newsletter ogni domenica mattina

Leggi anche

Tag